Yoga e ansia:
i benefici dello yoga

1451 Visualizzazioni 0 Commenti

Spesso sui magazine e sui giornali si leggono titoli tipo “usa lo yoga per combattere l’ansia” e altre frasi del genere. Ma è vero che lo yoga può aiutare a combattere l’ansia oppure è una sparata giusto per attirare l’attenzione e scrivere qualcosa?

Per rispondere a questa domanda nel modo più completo (spero!) possibile vi parlerò delle caratteristiche dello yoga e della sua pratica, da cui derivano i benefici, e della mia esperienza personale. Questo non perché io voglia vendervi qualcosa o spingervi a fare yoga a tutti i costi (penso infatti che ognuno di noi deve trovare la propria strada verso il benessere, perché solo così lo si può raggiungere in maniera efficace), ma perché mi piacerebbe nel mio piccolo poter dare anche solo un piccolissimo aiuto a qualcuno di voi.

Cosa lega lo yoga al benessere psicofisico?

Lo yoga in tutte le sue forme prevede una concentrazione su sé stessi, sul momento in cui ci si trova, sul proprio corpo, sul proprio spazio. Che sia attraverso la meditazione, la pratica statica oppure una pratica più dinamica, lo yoga vi aiuta a concentrarvi sul qui e ora.

Con le pose più statiche dell’hata yoga si favorisce la meditazione e la concentrazione, ma lo stesso si ottiene con la sincronizzazione tra respiro e movimenti del vinyasa yoga e dell’ashtanga che costringono la vostra mente a staccare da tutti i pensieri e a focalizzarsi sul momento.

Grazie a questa focalizzazione si entra in uno stato profondo di conoscenza di noi stessi, che a sua volta ci rende forti. Forti perché diveniamo consapevoli della nostra forza (fisica e mentale) e forti perché ci permette di capire anche quali sono i nostri punti deboli, le cose che ci fanno soffrire, e ci permette quindi di agire su questi punti dolenti. Agire sui punti dolorosi non implica per forza cambiare! Significa infatti agire per cambiare se lo riteniamo opportuno, mentre significa lasciare andare nel caso in cui si capisca che da quell’esperienza, da quella sensazione, da quell’avvenimento si ottengono solo ritorni negativi e malessere (se vi interessa questo concetto ne ho parlato più approfonditamente qui).

La consapevolezza della nostra forza ci aiuta anche a guardare in faccia quell’ansia e a “lavorarla”, a parlarci, anche a ignorarla!

Favoriscono ulteriormente queste sensazioni e capacità la meditazione e il controllo della respirazione che caratterizzano lo yoga.

Chiaramente non è una cosa che si ottiene con una sola pratica! È la pratica costante e protratta a permetterci di scoprire costantemente noi stessi e le nostre capacità e quindi che ci aiuta a raggiungere quello stato di calma che ci permette di affrontare le nostre paure e le nostre ansie.

Lo yoga dà benefici fisici?

Lo yoga, essendo comunque anche una pratica fisica (in alcune accezioni e approcci anche molto intensa!) apporta sicuramente anche benefici fisici!

Grazie alla pratica costante dello yoga (soprattutto nelle sue forme dinamiche, quindi vinyasa e ashtanga) è possibile infatti:

  • Aumentare la propria flessibilità e dinamicità
  • Aumentare il proprio equilibrio
  • Aumentare la consapevolezza del proprio corpo e le sue capacità
  • Aumentare la propria forza fisica

Yoga e ansia, la mia esperienza

Come ho avuto modo di raccontare in modo più approfondito in questo articolo, io mi sono avvicinata allo yoga inizialmente come pratica fisica.

Attraverso la pratica mi sono però resa conto che ciò che mi dava vera e propria linfa di questa attività era l’aspetto mentale, la calma e concentrazione che derivavano dalla pratica fisica, l’approccio di distacco e meditazione che lo yoga mi stava insegnando.

Il momento di questo passaggio, ovvero quello da pratica fisica ad approccio al mio modo di vivere, ha coinciso con il periodo più brutto e difficile di tutta la mia vita. Grazie anche allo yoga io ho potuto affrontare la perdita peggiore della mia vita. Non sto dicendo che grazie allo yoga non ho sofferto ed è stato tutto rose e fiori, ma lo yoga mi ha aiutata a trovare un ancora, un appiglio a cui aggrapparmi per tenere in piedi il mio mondo nonostante tutto. Mi ha aiutata a trovare la mia forza e a farla crescere nonostante tutto e di questo io sono e sarò sempre grata.

In definitiva direi quindi che concordo con chi dice che lo yoga (a patto che si tratti di una pratica continuativa e intesa non solo in senso fisico) aiuta a combattere lo stress e l’ansia. Spero che anche voi abbiate esperienze simili, ovvero che abbiate trovato il vostro modo di fronteggiare l’ansia, lo stress e il dolore e mi farebbe molto piacere se vi andasse di raccontarmelo 😊

0 Commenti

Lascia un commento