Trekking a Lecco:
Abbazia di San Pietro al Monte

977 Visualizzazioni 0 Commenti

Siete alla ricerca di passeggiate trekking semplici a Lecco? Amate la natura e cercate un posto rilassante nel verde?

Oggi voglio condividere con voi una vera e propria perla del nostro territorio, l’Abbazia di San Pietro al Monte a Civate (LC). Consiglio questa passeggiata a chi vuole fare una camminata nel verde che non sia troppo lunga, a chi ama la pace e l’arte. Questa escursione infatti racchiude tanti aspetti in un unico luogo incantato, perché attraverso un percorso di trekking si giunge ad un’abbazia romanica la cui costruzione è iniziata nel XI secolo.

Partiamo da alcuni dettagli:

  • Paese di partenza: Civate (LC), facilmente raggiungibile in auto.
  • Durata della camminata: 1 ora scarsa
  • Dislivello: 400 mt.
  • Livello di allenamento necessario: la passeggiata non è molto lunga ma è praticamente tutta in salita. Non serve essere molto allenati… ma non è il massimo se proprio non avete nemmeno una base.
  • Abbigliamento: consiglio di usare un abbigliamento da trekking, in particolare le scarpe devono avere una buona suola perché i sassi che lastricano il sentiero sono molto scivolosi, sia in salita che soprattutto in discesa

Come raggiungere San Pietro al Monte

Per arrivare a San Pietro al Monte dovete partire da Civate. Il sentiero più noto e semplice è quello che parte dalla località Pozzo. C’è un piccolo parcheggio per le auto poco sotto alla partenza del sentiero, ma se non doveste trovare posto potete lasciarla poco più in basso, dove c’è la scuola materna di Civate.

Partendo da località Pozzo troverete un sentiero lastricato con un grosso acciottolato in lieve salita. Il sentiero è molto ben tracciato e tenuto benissimo, per cui si procede tranquillamente su di esso. È un sentiero molto largo che inizialmente prevede una salita abbastanza dolce.

Dopo una prima parte di sentiero acciottolato si arriva ad una sorta di sentiero fatto a scala. La salita qui diventa un pochino più pesante ma secondo me terminato questo pezzo finisce la parte più dura del percorso!

Si arriva infatti ad un nuovo tratto strutturato sempre come una sorta di scalinata, meno impegnativa della precedente. Questo tratto è ombreggiato da un bosco incantevole, cosa molto apprezzata nel periodo estivo! Circa a metà di questa salita si trovano una fontana ed una panchina, dove si può riposare e rinfrescarsi.

Superate la fontana e la panca si inizia a scorgere l’arrivo. In questo tratto la salita è meno pendente e ci si può intrattenere guardando le statue di legno create dai volontari che si occupano di tenere (benissimo!) l’Abbazia e la casota, una costruzione rurale usata un tempo dai contadini come rifugio e ripostiglio.

Dopo un ultimo tratto di scalinata si giunge infine all’arco che accoglie il visitatore presso il complesso benedettino, su cui campeggio il famoso motto “Ora et labora”. Il visitatore non può che rimanere sorpreso e incantato dalla pace e dalla maestosità che emanano dal complesso che è costituito da:

  • Basilica di San Pietro
  • Oratorio di San Benedetto
  • Monastero (di cui restano solo le rovine)

Il tutto circondato da un meraviglioso prato verde.

Perché visitare San Pietro al Monte

Vi consiglio di visitare San Pietro al Monte innanzitutto per la basilica. È infatti possibile visitarla:

  • Tutti i sabati da marzo a ottobre dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle 13.00 alle 15.00
  • Tutte le domeniche con possibilità di visita guidata gratuita (realizzata dai bravissimi volontari dell’associazione Amici di San Pietro che si occupano del luogo) dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 16.00

La basilica si caratterizza per la serie di affreschi sul tema dell’apoteosi finale del Cristo e il trionfo dei Giusti, una delle più importanti testimonianze del romanico in Lombardia.

Vi consiglio poi di visitare San Pietro per la pace che si gode sul prato ai piedi dell’abbazia. Io adoro rilassarmi sul prato dopo aver fatto la bella camminata che porta a San Pietro e fare un po’ di yoga. Se volete godere della pace del luogo vi consiglio però di evitare il pomeriggio della domenica e di andarci il tardo pomeriggio nei giorni feriali oppure al mattino presto.

Spero con questo articolo di avervi dato qualche informazione utile! Avete già visitato San Pietro? Sapreste consigliarmi altre gite simili?

0 Commenti

Lascia un commento